Gibson Finger Foods

gibson_finger food

La preparazione che vi propongo riguarda un simpatico finger food con una sorta di pasta brisè molto leggera ed un ripieno con porri, patate e bacon. Mi sono palesemente ispirata a tre modelli di chitarre Gibson:

la mitica Les Paul;

la diavoletto – SG;

la flying v.

Gibson FInger Foods

INGREDIENTI per 10/12 porzioni:

la base allo yogurt e parmigiano

– 290 gr di farina 00

– 50 gr di burro

– 1 vasetto di yogurt bianco intero non zuccherato

– 2 cucchiai di parmigiano grattugiato + un pizzico per spolverizzare le chitarrine

– 1 cucchiaino di lievito per torte salate

– 5 cucchiai di acqua

– 1 pizzico di sale

– 1 uovo per spennellare le chitarrine

ripieno

– 1 porro intero

– 2 patate medie

– 6 fettine di bacon

– 1 noce di burro

– 100 ml di latte + un goccio per spennellare

– pepe qb

– 1 uovo

– 1 cucchiaio di parmigiano grattugiato

PROCEDIMENTO:

la base allo yogurt e parmigiano

– inserire tutti gli ingredienti (compreso il burro freddo a cubetti) in un robot da cucina

– lavorare l’impasto alla massima velocità per qualche secondo fino ad ottenere dei grossi grumi

– svuotare il boccale su un piano da lavoro

– impastare energicamente per qualche secondo (si dovrà ottenere un impasto abbastanza elastico)

– avvolgere con della pellicola da cucina e riporre in frigo per un’ora

Nota: è possibile lavorare l’impasto anche completamente a mano utilizzando il burro ammorbidito

ripieno

– pelare le patate e pulire il porro rimuovendo lo strato più esterno e troncando dalla cima un paio di cm di coda verde

– lavare le verdure

– ridurre la patata in piccoli cubetti

– tagliare il porro a fettine sottili

– scaldare in una padella la noce di burro

– saltarvi le verdure qualche secondo

– aggiungere 1/2 bicchiere d’acqua, coprire e lasciare stufare

– togliere il coperchio e lasciar evaporare a fiamma vivace

– aggiungere il latte

– salare

– lasciar andare a fiamma media finchè le verdure non risulteranno molto morbide ed il liquido di cottura si sarà ridotto

– spegnere il fuoco

– pepare abbondantemente

– lasciar raffreddare

– incorporare l’uovo ed il parmigiano

– tenere da parte

i biscottini salati a forma di gibson

– su un foglio di carta forno disegnare le sagome delle chitarre alte 7 o 8 cm in tutto

– ritagliarle accuratamente

– prendere una parte dell’impasto

– stenderlo con un matterello in modo da ottenere una sfoglia di circa 0,5 cm di spessore

– sovrapporre delicatamente una sagoma di carta forno sulla sfoglia

– con un coltello molto affilato ricavare una formina identica al disegno

– con uno stuzzicandenti o vari strumenti da cucina, incidere i dettagli principali sulla superficie della chitarrina di pasta brisè (es. i pomelli, i tasti del manico…)

– procedere in modo da ottenere una decina di chitarrine

– riporle su una placca rivestita di carta forno

– spennellarle delicatamente con l’uovo sbattuto con un goccio di latte

– distribuire in maniera mirata qualche granello di pepe (io l’ho messo in prossimità dei pomelli) ed un pizzico di parmigiano in modo da ottenere delle sfumature di colore

– infornare in forno preriscaldato a 180° per 10/15 minuti controllando frequentemente il grado di doratura

le quiche

– prendere il restante impasto dal frigo

– stenderlo in una sfoglia sottile (circa 3 mm di spessore)

– con uno stampo a stella a 6 punte (ho voluto dare un aspetto più aggressivo, più “rock” prevedendo il bordo con delle punte/spuntoni irregolari), ricavare una coppia di basi per ogni mini quiche (gli stampi che ho utilizzato sono circa 5 cm di diametro)

– rivestire il fondo di 10 (se ce la fate 12) stampi da muffin sovrapponendo leggermente due stelle per ogni base

– punzecchiare con una forchetta il fondo di ogni pirottino

– distribuire un cucchiaio di ripieno in ogni stampino

– tagliare dalle fette di bacon un rettangolino utile a ricoprire la superficie di ogni quiche

– posizionare i rettangolini ottenuti

– infornare sempre a 180° per 10 minuti solo sotto, e per i successivi 10 sopra e sotto (verificando la doratura)

– sfornare

– ogni mini-gibson può essere posizionata in orizzontale sulla rispettiva quiche. Io mi sono divertita a posizionarla, invece, appoggiata come se fosse sul reggi chitarra :-D

Vi manderò altre ricette… troppo divertente!

Fatemi sapere riguardo la mia domanda iniziale e se è tutto ok.

Grazie, buon lavoro e… STAY ROCK!!!!!

Raffaella

gibson_finger food

Mr.Nice Guy

dannatamente bello, dannatamente intelligente, praticamente perfetto.


Caricando...