Tortine alle patate dolci e zenzero alla Black Stone Cherry

tortino di patate dolci

Tortine alle patate dolci e zenzero alla Black Stone Cherry

Ascolto consigliato: “Me and Mery” Jane by Black Stone Cherry

Una band tutta da scoprire che già dai sui primi concerti di qualche anno fa ha dimostrato la sua forza e il suo carisma.
Un sound molto rock, li ho visti fare da apertura agli altrettanto favolosi Alter Bridge, un mix perfetto.
Per questo loro sound molto rock old style in perfetto stile americano non potevo che pensare a loro per queste tortine con patate americane…
Il gusto fresco dello zenzero unito alla dolcezza del cioccolato rende questo dolce particolare e delizioso, soprattutto se accompagnato da una ricca crema , magari al cioccolato!

Tortine alle patate dolci e zenzero alla Black Stone Cherry

Ingredienti per circa 10 tortine:

2 patate dolci lessate e sbucciate
80gr di zucchero di canna
50gr di olio di oliva
1 uovo
150gr di farina di farro
1 cucchiaino di bicarbonato
1 cucchiaio di zenzero fresco grattugiato
80gr di nocciole o mandorle tostate
180cc di latte di riso
Gocce di cioccolato fondente qb

Procedimento:

Accendete il forno a 180°, meglio se ventilato.
Tritate la frutta secca.
Schiacciate le patate con una forchetta o con uno schiaccia patate.
Mescolate farina e bicarbonato con lo zenzero, la frutta secca e il cioccolato
Mettete su una terrina capiente le patate e lo zucchero, lavorate il composto con un cucchiaio di legno: man mano che lo lavorate diventerà un po’ strano, è tutto normale.
Aggiungete l’uovo e mescolate per bene, iniziate ad amalgamare la farina piano piano alternandola al latte e olio.
Dovrete ottenere un composto omogeneo ma che non sarà liscio.
Trasferitelo su un bricco
Prendete 10 formine da crostata e copritele con dei pirottini di carta.
Versateci il composto fino all’orlo e infornate subito.
Fate cuocere per circa 20 minuti, come al solito fate la prova dello stuzzicadenti.
Sfornate e togliete dalle formine in modo che non si crei la condensa sotto.
Fate raffreddare e servitela come merenda o per colazione o alla fine di un buffet magari accompagnata da una deliziosa crema al cardamomo, giusto per stare in tema di spezie….

Tania Gallus

Food writer, musicalmente curiosa, rock fashion victim, aperta a nuove esperienze culinarie e fondamentalmente pazza. Amante della musica rock soprattutto se accompagnata da qualcosa che sfrigola sui fornelli, proprio come un vecchio vinile sfrigola sul piatto. Cura la rubrica La Cucina in Vinile.


Caricando...