Tacos di insalata di pollo alla Steven Wilson

tacos

Tacos di insalata di pollo alla Steven Wilson

Ascolto consigliato: “The Raven that refuse to sing” by Steven wilson

Tempo di preparazione: 10 minuti

Non mi stancherò di ripeterlo, questo giovane uomo da ormai venti anni nel panorama discografico si è creato un posto tutto suo nel mondo rock, in tutte le sue sfaccettature.
Dai Porcupine Tree ai Blackfields, e con il suo progetto solista, ha raccolto in silenzio lo scettro dei grandi del prog, spaziando da sonorità Krimosniane a quelle dei Pink Floyd, ma con uno stile tutto suo.
Inconfondibile, geniale, ottimo polistrumentista e con una voce calda e accogliente, con ogni suo lavoro porta in superficie qualcosa di suo, di personale, di oscuro che è anche di tutti noi.
Una musica elegante, in punta di piedi, ignorato dalle radio e idolatatrato dai musicisti e dagli amanti del vero rock.
Se ancora non lo conoscete siete in tempo, tornerà in Italia in autunno, a prendersi un altro caldo abbraccio mentre ci trascina con le sue note nei nostri abissi.
Questa è una versione dell’insalata di pollo che mi ha accompagnato in diversi suoi concerti.
E’ anche una versione per riciclare gli avanzi o utilizzare un pollo arrosto preso in rosticceria che però avete troppo caldo per mangiare così come è.
Insomma è un piatto molto rock.

Tacos di insalata di pollo alla Steven Wilson

Ingredienti per 4 persone:

1 pollo arrosto
400gr di pomodorini tipo pachino
1 lime
100gr di misticanza
Sale qb
8 tacos morbidi

Per la maionese:

1 uovo intero a temperatura ambiente
200 cc circa di olio di semi di girasole
½ limone
Sale qb

Procedimento:

Per prima cosa fate la maionese: mettete l’uovo intero, un pizzico di sale e olio fino ad arrivare a 200cc sul bicchiere del frullatore ad immersione.
Frullate fino a che gli ingredienti si saranno amalgamati e la maionese inizierà ad essere soda.
Assaggiate di sale ed unite un po’ di succo di limone, la quantità dipende dal vostro gusto.
Frullate ancora qualche secondo.
Se la fate in anticipo conservatela in frigo coperta con carta pellicola.
Disossate completamente il pollo eliminando anche tutta la pelle.
Mettetelo su una terrina.
Lavate e tagliate i pomodorini.
Metteteli insieme al pollo con un cucchiaio di maionese e il succo di mezzo lime.
Mescolate bene, salate se necessario e terminate con la scorza grattugiata del lime.
Condite l’insalata con olio e sale e scaldate i tacos su una padella o su una piastra anti aderente.
Adesso avete tutto per comporre il piatto.
Se siete a tavola preparate dei piatti individuali.
Mettete su ciascun piatto un tacos, fate una base di insalatina e aggiungete l’insalata e di pollo.
Chiudete il tacos come un panino e serviteli insieme ad una ciotola con la maionese avanzata.
Se invece fate dei panini per un concerto utilizzate la stagnola: mettete i tacos al centro di un foglio, farciteli mettendo il ripieno al centro in modo da chiudere entrambi i lati, come un burritos.
Arrotolate nella carta e il vostro panino da concerto è pronto.
Potete anche mangiarlo per strada, mentre guardate le vetrine nella pausa pranzo o magari seduti su una panchina al parco: non occorre mica essere in vacanza per mangiare un buon panino e ascoltare questa stupenda musica.
Se vi piace potete arricchirli con dei cetrioli in salamoia, un tocco di aspro che non guasta.
Se siete così fortunati da essere su una spiaggia tenetelo in frigo fino al momento di consumarlo…

Tania Gallus

Food writer, musicalmente curiosa, rock fashion victim, aperta a nuove esperienze culinarie e fondamentalmente pazza. Amante della musica rock soprattutto se accompagnata da qualcosa che sfrigola sui fornelli, proprio come un vecchio vinile sfrigola sul piatto. Cura la rubrica La Cucina in Vinile.


Caricando...