Feta al forno à la Pain of Salvation

feta_al_forno_sisters_pain_of_salvation

Ascolto consigliato: “Sisters” by Pain of Salvation

Tempo di preparazione: 5 minuti – Tempo di cottura: 20 minuti

Se non siete abituati a cambiare il vostro modo di mangiare e per voi la feta è solo un formaggio per chi è a dieta da mettere nell’insalata, ho qualcosa da dirvi e lo farò attraverso la musica.
A volte bisogna lasciarsi conquistare dai gusti nuovi e fidarsi della propria curiosità, anche se avete sempre e solo mangiato la feta nell’insalata, provate…pensate a questa meravigliosa canzone dei Pain of Salvation che sono arrivati ad avere sonorità così particolari dopo anni passati a fare prog –metal.
Adesso le loro sonorità sono molto più blues di un tempo, si sono semplicemente evoluti, e sentirli dal vivo è un piacere per gli occhi e per le orecchie.
Evolvetevi anche voi provando ad assaggiare questo delizioso formaggio nella versione filante.
Per realizzare al meglio questo piatto scegliete i pomodori che più vi piacciono, ci stanno molto bene i pomodori piccoli e succosi, come i Datterini o i Pachino, ma vanno bene anche i Piccadilly o i San Marzano.
Se non avete l’origano fresco, utilizzate quello secco, ve ne servirà circa un cucchiaio. Vi servono delle piccole pirofile, meglio se di porcellana o di coccio ma se non le avete, vanno bene anche quelle usa e getta.
Scegliete una misura piccola di circa 20×14. Scaldate bene il forno e preparatevi a un viaggio nel Mediterraneo.

Feta al forno à la Pain of Salvation

Ingredienti:

4 fette di feta fresca da circa 200gr l’una
200cc di olio
8 pomodorini pachino
2 cipollotti freschi
100gr di olive nere
4 friggitelli
2 peperoncini freschi
1 mazzetto di origano fresco
Sale qb
8 fette di pane casereccio o 4 pane tipo pitta

Procedimento:

Accendete il forno a 200°, meglio se ventilato. Lavate e mondate i pomodori, i peperoncini e i friggitelli. Tagliate tutto a metà. Pulite i cipollotti e tagliateli a fette utilizzando anche la parte verde morbida e saporita. Tagliate a rondelle il peperoncino.
Prendete quattro piccole pirofile, una per ciascuna fetta di feta, mettete sul fondo un filo d’olio, adagiatevi la feta e distribuite sopra qualche pomodorino, i friggitelli e i cipollotti. In un angolo di ciascuna pirofila adagiate mezzo peperoncino. Aggiungete le olive nere e una buona dose di origano fresco tritato, terminate ricoprendo tutto con l’olio. Salate leggermente e infornate per 20 minuti. Controllate la cottura: la feta dovrà essere morbida, che si scioglie. Se ancora non è così cuocete per altri cinque minuti o quanto basta.
Sfornate e lasciate raffreddare pochi minuti. Mettete le pirofile direttamente sul piatto, mangerete direttamente da là perché è impossibile trasferire questa delizia. Mettete il pane o la pitta in un cestino e portate in tavola. Assaggiate prima la feta e sentite come si sposa bene con il resto dei sapori, usate il pane o la pitta per assaggiare l’olio saporito. Non è magnifico? Io ritengo che sia un piatto facile e sublime e ben si adatta anche a una cena da soli o in due, con quel pizzico di piccante e di amaro.

feta al forno_pain of salvation

Tania Gallus

Food writer, musicalmente curiosa, rock fashion victim, aperta a nuove esperienze culinarie e fondamentalmente pazza. Amante della musica rock soprattutto se accompagnata da qualcosa che sfrigola sui fornelli, proprio come un vecchio vinile sfrigola sul piatto. Cura la rubrica La Cucina in Vinile.


Caricando...