Spaghetti alla Chitarra Steve Vai

spaghetti_chitarra_steve_vai

Dopo aver visto dal vivo nel tour Italiano di qualche mese fa Steve Vai, gli dedico questa ricetta semplice : gli Spaghetti alla Chitarra alla Steve Vai 

Trattasi di un semplice aglio olio e peperoncino arricchito di gusto e sostanza con l’aggiunta di acciughe, pangrattato e pecorino.

Consiglio a tutti di ascoltare questo funambolo della chitarra originario di Dorno (PV) nel suo lavoro “Sex and Religion

Ingredienti per 4/5 persone

400 gr di spaghetti alla chitarra
3 spicchi d’aglio
8 filetti d’acciuga ( o 4 acciughe intere)
peperoncino
sale
olio extra vergine
pan grattato ( arricchito con qualche cracker, grissino)
pecorino semistagionato

Preparazione

Imbiondire l’aglio in abbondante Olio d’oliva e aggiungere il peperoncino a seconda dei gusti.
Aggiungere i filetti di acciuga fino a quando si saranno sciolti a amalgamati con l’olio.
Nel frattempo mettere in pentola il pangrattato con un giro d’olio finché diventerà bello croccante.
Scolate la pasta grossolanamente un paio di minuti prima e finite la cottura nell’0lio aglio e peperoncino che avevate preparato prima.
Impiattate e guarnite con un paio di cucchiai di pangrattato e con una generosa manciata di pecorino.
Apparecchiate, versatevi un buon bicchiere del vino che vi consiglia Vania qui sotto e fate godere la Papilla!

Il vino consigliato da Vania Valentini:

In un piatto come questo, dalla importante struttura e dalla spiccata sapidità, è perfetto un vino fresco, minerale, morbido e fresco come il Riesling Trocken di Donnhoff. Meraviglioda interpretazione di questo vitigno, qui nella sua massima espressione in termini di mineralità e freschezza.
Incredibile già dal profumo: intensi sentori di frutta, riconosciamo il cedro e il lime, poi di fiori freschi come il gelsomino, fiori di acacia ma anche vaniglia, burro fuso. Caratterizzanti e piacevolissime le note di idrocarburi e gesso, che qui ritroviamo al palato. In bocca l’attacco è morbido per poi sorprendere con la sua mineralità e l’acidità vibrante, che rimane e allunga nel finale. Da servire ad una temperatura di 10°-11°.

Andrea Bariselli

Musicista, Produttore, Manager di artisti, Editore musicale, Marito, Giocatore professionista di Fifa, Portiere il giovedì sera ma sopratutto REAL ROCKchef! Cura la rubrica RicetteRock su Panorama.it


Caricando...