Risotto ai porri con crema di zucca alla Pain of Salvation

risotto_porri_e_crema_di_zucca_pain_of_salvation

Ascolto consigliato: “Second love” by Pain of Salvation

Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura: 15+25 minuti

A volte ci sono incontri inaspettati in cucina, per me lo è stato questo risotto ai porri un po’ troppo importante come gusto, e allora ci ho aggiunto una semplice crema di zucca che con la sua dolcezza ha smorzato il gusto forte del risotto.
Il risultato è inaspettato e dolcissimo, come questa ballata triste ma ricca di sonorità favolose dei Pain of Salvation.

Risotto ai porri con crema di zucca à la Pain of Salvation

Ingredienti per 4 persone:

350gr di riso Vialone Nano
2 porri grandi
1,5l di brodo vegetale
2 cucchiai di olio
100gr di pecorino romano grattugiato
Sale qb

Per la crema di zucca:

1 porro
200gr di zucca tagliata e tocchetti
1patata a pasta gialla
1l di acqua bollente
1 cucchiaio di olio
Sale qb

Procedimento:

Prima di tutto preparatela crema di zucca.
Sbucciate il porro e tagliatelo a rondelle, pelate e tagliate a pezzetti la patata.
In una pentola mettete l’olio e il porro e fate soffriggere a fuoco alto per circa 2 minuti.
Aggiungete un po’ di acqua calda e salate.
Ora aggiungete la zucca e la patata, mescolate bene e aggiungete l’acqua calda.
Portate ad ebollizione, salate e fate cuocere circa 15 minuti, fino a che le verdure saranno tutte morbide.
Tenetela da parte.
Ora facciamo il risotto:
Sbucciate e tritate i porri, metteteli in un tegame basso con l’olio e fate cuocere per circa 2 minuti a fuoco medio.
Bagnate con un po’ di brodo vegetale e continuate a cuocere per altri 5 minuti.
Aggiungete il riso e fate rosolare per bene girandolo spesso.
Salate.
Quando inizia a sfrigolare troppo, come un vecchio vinile, aggiungete qualche mestolo di brodo e continuate a mescolare.
Man mano che il brodo si asciuga aggiungetelo e continuate la cottura a fuoco basso fino a che il riso non sarà morbido.
Ci vorranno circa 20 minuti.
Appena il riso sarà cotto spegnete il fuoco e aggiungete il pecorino grattugiato.
Mescolate per bene in modo da mantecarlo a dovere.
Intanto riprendete la vostra zucca e scaldatela bene.
Frullatela con un frullatore ad immersione fino a farne una crema.
Siamo pronti per comporre il piatto.
Se avete dei piatti bianchi sono l’ideale.
Su ciascun piatto mettete un fondo di crema di zucca, magari aiutandovi con un cucchiaio spalmatela bene.
Adagiatevi sopra il vostro risotto e magari finiti con un po’ di pecorino.
Un piatto caldo e interessante, in cui i sapori si sposano in maniera inaspettata, con un retrogusto dolcissimo.

Tania Gallus

Food writer, musicalmente curiosa, rock fashion victim, aperta a nuove esperienze culinarie e fondamentalmente pazza. Amante della musica rock soprattutto se accompagnata da qualcosa che sfrigola sui fornelli, proprio come un vecchio vinile sfrigola sul piatto. Cura la rubrica La Cucina in Vinile.


Caricando...