Risotto alla Folkstone

risotto_alla_folkstone

Di solito , durante la preparazione di un piatto prendo ispirazione da questi per decidere a chi dedicarlo, ma in questo caso e’ successo mentre girovagavo per internet alla ricerca di qualche spunto da provare ascoltando della buona musica.

La ricetta in questione è un risotto con grappa e carciofi con una piccola sfumatura affumicata data dalla pancetta, una ricetta veloce con un mix di profumi che vanno ad equilibrare l’ uno all’altro.
La musica che ha dato vita a queste idee sono i nostrani Folkstone che con la loro carovana portano in tutta italia il loro stupendo folkmetal e medievalrock.
Ma in tutto questo ho voluto cercare qualcosa di piu’ provando a contattare “Lore” cantante e strumentista dei
Folkstone ed è così che tramite socialnetwork sono riuscito a scambiare quattro chiacchere chiedendogli la fatidica domanda :
Ma ai Folkstone piace la grappa ?

E con molta gentilezza dato anche l’orario notturno della conversazione la risposta è stata positiva.
E cosi è nato il Risotto alla Folkstone una ricetta fantastica per un gruppo altrettanto fantastico.

Risotto alla Folkstone

Ingredienti per due persone:

1 scalogno tritato
1 carciofo
50 gr. pancetta affumicata tagliata a dadini
180 gr. riso
1 bicchierino di grappa barricata
1lt. brodo
1 noce di burro
olio di oliva
sale e pepe macinato q.b
30 gr parmigiano grattuggiato

Preparazione:

Prendere il carciofo levare il gambo e le foglie piu’ dure ed eliminare le punte, lavarli e tagliarli a spicchi e lasciarli a bagno in acqua e limone.
Ora in una padella aggiungere un filo di olio d’ oliva e lo scalogno tritato far rosolare finche’ non appassisce, unire il carciofo e due mestoli di brodo e cuocere per una decina di minuti poi, aggiungere la pancetta affumicata tagliata a dadini e lasciar cuocere finche’ il brodo è evaporato.
Unire il riso e tostarlo per un minuto , aggiungere il bicchierino di grappa e lasciarlo sfumare, ora aggiungere il brodo e cuocere per il tempo di cottura del tipo di riso.
A fine cottura aggiustare di sale e pepare levare dal fuoco e mantecare con la noce di burro e il parmigiano.

Gianpiero Giovanardi

Emiliano DOC, professione chef, metallaro e batterista nel (poco) tempo libero amante dei film horror e delle arti marziali. Sposato, sempre pronto a mettersi in gioco.. Il mio motto? LONG LIVE ROCK AND ROLL!!!!! m/


Caricando...