Castellane con Scampi à la Scorpions

castellane_con_scampi_scorpions

Castellane con Scampi a là Scorpions Ascolto consigliato: “Wind of change” by Scorpions Tempo di preparazione:15 minuti Tempo di cottura: 35 minuti La prima cosa che faccio quando vado in Croazia è andare a mangiare un piatto di pasta deliziosa fatta a mano dalle mani esperte dei cuochi locali. Si chiamano “surlice” e sono simili alle nostre castellane, anche se sono un po’ più grosse e con l’uovo nell’impasto. Il condimento è il più delle volte a base di crostacei e molluschi ma io amo la versione con gli scampi e i funghi. Noi useremo i porcini freschi ma se non li trovate di buona qualità utilizzate quelli secchi. Metteteli a bagno in acqua tiepida per almeno un’ora, sciacquateli bene e saranno pronti da utilizzare. Come pasta utilizzeremo le castellane che abbracciano bene il meraviglioso sughetto che si formerà, ricco di sapori e profumi. Ecco qua un bel piatto di pasta da gustare quando avete voglia di cambiare qualcosa nella vostra vita e allora vi piacerebbe essere in riva al mare, con le luci del porto in lontananza e il vento che fa da sottofondo musicale. Per me questo piatto ha un non so che di romantico e coraggioso, quindi se non avete il vento, direi che “Wind of change” degli Scorpions è perfetta. Castellane con Scampi a là Scorpions Ingredienti:

500gr di castellane 500gr di pomodori pelati 1 cipolla bianca 1 peperoncino fresco 1kg di funghi porcini freschi o 30gr di secchi 500gr di scampi 1 carota 1 costa di sedano 2 cucchiai di panna vegetale da cucina 2 cucchiai di olio Sale qb

Procedimento: Pulite bene i funghi freschi levando tutto il terriccio, cercate di farlo senza bagnarli, ma aiutandovi con uno spazzolino o una straccetto umido. Tagliate i manici troppo duri o quelli rovinati. Tagliate i funghi a pezzetti irregolari, dovrete fare una sorta di ragù. Occupiamoci dei crostacei, nel sugo ci servirà solo la polpa quindi possiamo usare le teste per fare un fumetto di pesce e rendere la preparazione ancora più saporita. Staccate le teste dalle code, sciacquatele e mettetele in una pentola. Ricoprite di acqua fredda, aggiungete il sedano, un po’ di pomodoro, la carota sbucciata e poco sale. Mettete sul fuoco e portate a ebollizione. Abbassate la fiamma e fate sobbollire per almeno 35 minuti. Tenete a portata di mano un colino a maglie fitte e un ramaiolo. Appena il brodo inizierà a bollire scrematelo dalle impurità in modo che risulti limpido e pulito. Intanto togliete il carapace alle code, fate un’incisione nel dorso ed eliminate il budello nero. Sciacquatele bene sotto l’acqua corrente e tamponatele con carta da cucina, tagliatele a pezzi e lasciatene qualcuna intera giusto per guarnire. Mondate e lavate la cipolla, tritatela finemente. Lavate e tagliate a rondelle il peperoncino. In una padella anti aderente mettete l’olio, la cipolla e metà del peperoncino. Fate rosolare sul fuoco a fiamma media fino a che la cipolla non diventa trasparente. Unite i funghi e salate. Appena iniziano a sfrigolare aggiungete un ramaiolo di fumetto di scampi filtrato attraverso il colino, in modo che non cadano dentro impurità. Fate cuocere i funghi per circa 10 minuti aggiungendo fumetto di pesce quando occorre, aggiungete i pomodori pelati e lasciate cuocere per circa 20 minuti aggiungendo ancora il fumetto di pesce quando occorre. Intanto prelevate dal brodo di pesce le teste, apritele e schiacciatele bene con una forchetta, in modo che venga fuori tutto il succo e la polpa buona, se avete pazienza potete passarle al passaverdure…raccogliete il vostro bottino e unitelo al sugo con i funghi. Intanto mettete l’acqua per cuocere la pasta, appena bolle salatela e buttate la pasta. Scolatela dopo 10 minuti o quanto indicato nella confezione. Unite gli scampi al sugo e cuoceteli per cinque minuti, infine aggiungete la panna. Spegnete il fuoco. Scolate per bene la pasta e mettetela direttamente nella padella, riaccendete il fuoco e fate saltare allegramente in modo che tutti i sapori si fondano tra loro. Spegnete il fuoco, spolverate con il peperoncino fresco e preparate un piatto per ciascun commensale. Sedetevi e annusate le vostre castellane, che aroma vero? Mangiate qualche boccone e ditemi anche voi se questo non è un piatto che vi rende coraggiosi e pronti al cambiamento, magari in una notte d’estate…. Castellane con scampi a là Scorpions

Tania Gallus

Food writer, musicalmente curiosa, rock fashion victim, aperta a nuove esperienze culinarie e fondamentalmente pazza. Amante della musica rock soprattutto se accompagnata da qualcosa che sfrigola sui fornelli, proprio come un vecchio vinile sfrigola sul piatto. Cura la rubrica La Cucina in Vinile.


Caricando...