Pizza Dream Theater

pizza_dream_theater

Pizza Dream Theater

E quando arrivano in città i Dream Theater vuol dire una sola cosa, un po’ di musica di qualità per le nostre orecchie, bisogna esserci, senza nessun se o ma. Noi di Ricette Rock stiamo stati invitati ad assistere all’evento, per la precisione alla prima data al Forum di Assago, il 20 gennaio scorso e per assaggiare un po’ di sano Metal Prog.

Prima di un concerto del genere c’è giusto il tempo per una pizza che per l’occasione diventa la Pizza Dream Theater
Se volete farla a casa ecco come fare la pasta:

Ingredienti per 2 teglie quadrate:

850 gr di farina di media forza oppure una miscela di farina normale e farina manitoba
500 gr di acqua a temperatura ambiente (20-21°C)
25 gr di Sale
5 gr di zucchero
2 gr di lievito di birra fresco
1 cucchiaio di olio evo

Per la salsa:

1 scatola di pomodori pelati
3 cucchiai di Olio Evo
sale qb
pepe e peperoncino (se piace)

Preparazione:

Sciogliere il lievito nell’acqua con lo zucchero.
Aggiungere ¼ di farina e impastare per 2 minuti
Aggiungere un altro quarto di farina
Aggiungere a poco a poco la farina restante ( in realta’ dosarla sentendo l’impasto), il sale e l’olio
Mettete a riposare sul tavolo di lavoro coprendo una ciotola per 10 minuti
Impastare nuovamente e mettete a riposare sul tavolo di lavoro coprendo con una ciotola per altri 10 minuti
Riprendere la pasta e fare le pieghe ( spingere con il palmo al centro e tirare i lembi verso l’interno)
Mettete a riposare sul tavolo di lavoro coprendo una ciotola per 10 minuti
Coprite il tutto
Lasciate lievitare almeno 5/7 ore se la cucino in giornata altrimenti la mettiamo in frigorifero dove puo’ starci anche 3 giorni.
(Se la utilizzate dopo il riposo in frigo, riportarla prima a temperatura ambiente)

Pre-riscaldare il forno alla temperatura più alta consentita, stendere la pasta sulle teglie e aggiungere la salsa di pomodoro e infornare per 10 minuti.
Tirare fuori le teglie e guarnirle a piacere.
( nel mio caso ho optato per Pancetta, cipolla, gorgonzola, olive e mozzarella di Bufala)
Terminare la cottura per altri 7/8 minuti

Milano, 20/01/2014
Dream Theater Forum di Assago – Milano

Recensione di Jessica Carpentieri:

Nessun gruppo spalla ad aprire il live, un vero e proprio “one band show”, 3 ore nette di musica di qualità di fronte ad un pubblico quasi adorante. Il palazzetto, a cui è stata ridotta la capienza escludendo il secondo anello, è gremito di fans, tutti molto sobri, quasi distaccati nell’attesa; essendo abituata a esibizioni più metal credevo di trovare un pubblico più scalpitante, o almeno così ricordavo dal Gods of Metal del 2009, ma a fine concerto ho dovuto ricredermi, era l’atteggiamento giusto per assaporare il live. Concentrazione e dedizione, come se fosse un rito prima dello spettacolo, per poi essere pronti ai 3 atti proposti dalla band.

Un video introduttivo dalla grafica accattivante e suggestiva prepara il pubblico alla prima canzone della serata “The Enemy Inside”, tratto dall’ultimo album “Dream Theater” pubblicato lo scorso agosto, seguito a ruota da “The Shattered Fortess” e “On the Back of Angels”.

Per chi segue questo gruppo da anni, probabilmente sentirà la mancanza di Portnoy alla batteria e gli anni che passano per la voce di LaBrie ma tutto sommato il tecnicismo e la qualità di questa band continua a confermarsi negli anni.

Sul palco, dalla scenografia essenziale, sicuramente non passa inosservata la pedana riservata alla batteria, il set da sogno di ogni batterista, e non è passato neanche inosservato l’assolo poco prima della pausa. Bravura e passione attraverso le bacchette di Mike Mangini vengono proiettate anche in video sul wall alle sue spalle anche se con un leggero ritardo che crea un effetto strano ma del tutto particolare.

Le 3 ore di musica, con tanto di pausa “pubblicitaria” in mezzo hanno lasciato il pubblico soddisfatto e hanno confermato che anche se orfani di Portnoy i Dream Theater continueranno a fare il loro percorso a suon di metal prog e musica di altissima qualità.

Setlist:
The Enemy Inside
The Shattered Fortress
On the Backs of Angels
The Looking Glass
Trial of Tears
Enigma Machine (With drum solo by Mike Mangini)
Along for the Ride
Breaking All Illusions
The Mirror
Lie
Lifting Shadows Off a Dream
Scarred
Space-Dye Vest
Illumination Theory
—–
Overture 1928
Strange Déjà Vu
The Dance of Eternity
Finally Free

Andrea Bariselli

Musicista, Produttore, Manager di artisti, Editore musicale, Marito, Giocatore professionista di Fifa, Portiere il giovedì sera ma sopratutto REAL ROCKchef! Cura la rubrica RicetteRock su Panorama.it


Caricando...