Insalata lenticchie e basilico alla The Passenger

insalata lenticchie

Un piatto leggero, ma completo e ricco di sapore. Stiamo parlando dell’insalata lenticchie e basilico, una ricetta veloce, perfetta se si ha poca voglia o poco tempo per cucinare. Altro elemento che rende la ricetta dell’insalata lenticchie e basilico interessante è il fatto che è ottima anche fredda, consigliata quindi da portare in ufficio per pranzo.

L’insalata lenticchie e basilico è un piatto che secondo me si intona con il brano The Passenger di Iggy Pop perché entrambe mi danno l’idea di relax: poco tempo passato prima ai fornelli poi al lavello, tanto tempo per godersi il pasto ascoltando la musica.

Ingredienti (per una persona):

una confezione di lenticchie precotte (ovvero in scatola)
4 foglie di basilico fresco di media dimensione
4 pomodorini pendolini
3 pomodori secchi
pecorino romano
olio extra vergine d’oliva
sale

Preparazione:

Scolate le lenticchie in uno scolapasta e lavatele sotto l’acqua corrente.

Lavate i pomodorini e tagliateli a tocchetti. Metteteli in una ciotola.

Aggiungete i pomodori secchi, tagliati con le forbici a pezzetti, e le lenticchie.

Lavate le foglie di basilico, spezzettatele con le mani e unitele al resto del piatto.

Grattugiate il pecorino romano, condite con olio extra vergine e sale (ne basta poco perché il pecorino è sufficientemente saporito) e il pasto è servito!

insalata lenticchie

Carlotta Mariani

Riccionese di nascita, milanese di adozione, dopo la laurea in lettere moderne, ho lavorato nella redazione di un mensile di enogastronomia mettendo a dura prova l’ago della bilancia. E dire che volevo essere assunta da Rolling Stone… Dal 2011 sono giornalista professionista, ma la mia vita non è cambiata molto. Continuo a occuparmi di cibo e di tentativi ai fornelli (prometto che non vi inviterò a cena!), mi piace scrivere di cinema, viaggi, musica, cultura e ho un blog dedicato al tè, “Five O clock. Nel tempo libero, oltre a bere tè e a inventare ricette, mi piace coccolare il mio gatt(in)o Yoshi, stare all’aria aperta e in buona compagnia, ascoltare musica (magari cantando a squarciagola con il cellulare come microfono) e viaggiare, almeno con la fantasia.


Caricando...