Pasta al ragù di pescato alla Devin Townsend

pasta al ragu di pescato

Pasta al ragù di pescato alla Devin Townsend

Ascolto consigliato: Kingdom by Devin Townsend Project

Tempo di preparazione: 15 minuti

Tempo di cottura: 12 minuti

Ci sono incontri che in qualche modo ti rimangono addosso.
Passare una giornata intera in uno studio di tatuaggi nel centro del Camden Market di Londra con una persona splendida oltre che un favoloso artista e parlare per quasi otto ore di musica e di artisti che in qualche modo si amano per la loro diversità.
E le barriere cadono e il giorno dopo lui arriva e mi porta tutta la discografia di Devin Townsend e dei suoi vari progetti.
Un artista capace del più grande romanticismo musicale come del metal più forte e profondo.
Grande chitarrista, grande voce, già collaboratore di Steve Vai.
Insomma non avete scuse per non ascoltarlo.
E io ho nel cuore ancora quella chiacchierata con Thomasz mentre le ore scorrevano all’Eclipse Tatto and Piercing Studio.
Una giornata fatta di contaminazioni musicali e ottima compagnia.
E allora ecco l’accompagnamento ideale per questa pasta, cucinata con quello che si trova, senza ricercare nulla di preciso.

Pasta al ragù di pescato alla Devin Townsend

Ingredienti per 4 persone:

1 kg di filetti di pesce misto: triglie di scoglio, orata, salmone, merluzzo e tutto quello che trovate.
400gr di code di gambero
300gr di pomodori tipo datterino
2 spicchi di aglio
1 peperoncino
1 mazzetto di prezzemolo
2 cucchiai di olive taggiasche denocciolate
3 cucchiai di olio
2 cucchiai di Prosecco
500gr di pasta di Gragnano tipo conchiglie

Procedimento:

Per prima cosa mettete a bollire l’acqua per cuocere la pasta.
Pulite bene il pesce e sciacquatelo sotto l’acqua: eliminate pelle e squame ed eventuali spine rimaste.
Pulite i gamberi e sciacquateli bene.
Lavate e tagliate a metà i pomodori.
Lavate e tritate il prezzemolo.
Sbucciate e schiacciate l’aglio, affettate il peperoncino.
Intanto mettete a cuocere la pasta in acqua bollente e salata.
In una padella capiente mettete l’olio con aglio e peperoncino e fate rosolare a fuoco medio.
Aggiungete i pomodori e fate rosolare a fuoco alto, salate leggermente.
Fate cuocere 5 minuti abbassando la fiamma e poi unite i gamberi, fate cuocere due minuti e poi aggiungete i filetti di pesce insieme alle olive.
Fate saltare e sfumate con il vino, fate evaporare l’alcool e aggiustate di sale.
Appena la pasta è al dente scolatela e mettetela nella padella.
Fate mantecare con un po’ di acqua di cotture e terminate a fuoco spento con un cucchiaio di olio e il prezzemolo tritato.
Portate la padella direttamente in tavola e mangiate tutti insieme, ce ne è per tutti!

Tania Gallus

Food writer, musicalmente curiosa, rock fashion victim, aperta a nuove esperienze culinarie e fondamentalmente pazza. Amante della musica rock soprattutto se accompagnata da qualcosa che sfrigola sui fornelli, proprio come un vecchio vinile sfrigola sul piatto. Cura la rubrica La Cucina in Vinile.


Caricando...