Paccheri con scampi e radicchio alla Alice Cooper

IMG_0150

Paccheri con scampi e radicchio alla Alice Cooper

Ascolto conisgliato : “Santa Claws is coming to town” performed by Alice Cooper

In questo periodo dell’anno si trova il radicchio di Treviso più buono, occorre che arrivino le prime gelate e questo meraviglioso frutto della terra è pronto da gustare.
Ormai lo trovate ovunque e vale la pena arricchirlo e gustarlo nei giorni di festa, accompagnato dalle tipiche note delle canzoni Natalizie ma in una versione tutta rock, come piace a noi….

Paccheri con scampi e radicchio alla Alice Cooper

Ingredienti:

500gr di paccheri di Gragnano
350gr di radicchio tardivo di Treviso
1 cipolla bionda
1peperoncino piccolo
800gr di scampi
330cc di pelati di pomodoro
2 cucchiai di olio
Sale qb

Procedimento:

Lavate gli scampi, incidete il carapace sul dorso e togliete il budello. Sciacquateli bene sotto l’acqua e tamponate con carta da cucina.
Prendete il radicchio e lavatelo.
Togliete il manico e tagliate il radicchio a pezzetti piccoli e tritate la cipolla.
In un tegame basso mettete l’olio, la cipolla e il peperoncino, fate soffriggere fino a che la cipolla imbiondisce e salate.
A questo punto aggiungete il pomodoro e fate cuocere circa 10 minuti.
Ora aggiungete gli scampi e fate cuocere per circa 8 minuti.
Se serve allungate con un po’ di acqua bollente.
Unite il radicchio e continuate la cottura altri 5 minuti, controllate di sale e spegnete il fuoco, il radicchio deve cuocere poco, è così che se ne esalta il sapore.
Intanto portate a bollore l’acqua per cuocere la pasta e salatela.
Buttate la pasta e cuocete circa 12 minuti o quanto indicato nella confezione. Scolatela al dente tenendo l’acqua di cottura e unitela al sugo e amalgamando bene. Aggiungete un po’ di acqua se tende ad asciugarsi e fatela saltare qualche minuto.
Servite in piatti individuali disponendo gli scampi bene in vista.
Magari potete guarnire con qualche foglia di radicchio fresca.
Non sbucciate gli scampi ma lasciate che se ne occupino i commensali.
Alla fine avranno la scusa per leccarsi le dita e fare uno strappo alle regole del bon ton.

Tania Gallus

Food writer, musicalmente curiosa, rock fashion victim, aperta a nuove esperienze culinarie e fondamentalmente pazza. Amante della musica rock soprattutto se accompagnata da qualcosa che sfrigola sui fornelli, proprio come un vecchio vinile sfrigola sul piatto. Cura la rubrica La Cucina in Vinile.


Caricando...