Polpette Melanzane e Quinoa alla Keb’ Mo’

polpette melanzane_keb mo

Polpette Melanzane e Quinoa alla Keb’ Mo’

Con la sua voce decisa e delicata, accompagnandosi alla chitarra riesce sempre a dare un senso gioioso e tranquillo alle mie giornate…allo stesso modo potrà perfettamente accostarsi a queste polpettine estive stuzzicanti ottime per l’antipasto, l’aperitivo o come piatto unico. Intanto mentre preparate gli ingredienti ascoltatevi questo pezzo stupendo di Keb’ Mo’

Ingredienti: (per circa 10 polpette)

1 melanzana
200g quinoa
parmigiano
timo
olio evo
pan grattato

Preparazione:

Tagliate la melanzana a cubettini e fatela cuocere per bene con sale e timo su una base d’olio, una volta pronta lasciate raffreddare. La quinoa la trovate nei sacchettini come i legumi secchi, ma non prevede ammollo soltanto una sciacquata: la fate cuocere in acqua bollente per 10 minuti, scolate e unite alle melanzane. A questo punto potreste già mangiarla così a mo di insalata fredda oppure potete creare delle polpette aggiungendo parmigiano e pan grattato per compattare un po’. Fatele rosolare un minuto per lato per renderli un po’ croccanti e gnam!

Il Vino consigliato da Vania Valentini:

Qui abbinerei un vino che abbia la delicatezza del vino bianco ma lo spessore gustativo e cromatico del vino rosso. Propongo l’Alezio Rosato Mjere dell’azienda Michele Calò di Tuglie, località salentina posta una dozzina di chilometri a nord est di Gallipoli.
Prodotto all’80% da uve Negroamaro (vitigno principe della Puglia) e dal 20% Malvasia nera, si presenta al calice con un bellissimo colore rosa cerasuolo brillante dalle vibrazioni color melograno. Vivo e inebriante, propone profumi intensi e nitidi che giocano i registri dei piccoli frutti rossi di bosco, delle erbe aromatiche, dei fiori bianchi, della macchia mediterranea, del sale e chiude con fresche note agrumate che invitano all’assaggio.
Piacevolissimo anche al palato dove la freschezza, in ottimo equilibrio con la morbidezza e la sapidità, riporta il frutto percepito prima al naso, allungando sul finale con note sapide e minerali. Da servire ad una temperatura di 6-8 C°

polpette melanzane e quinoa

Beatrice Tarizzo

..dovrei studiare per laurearmi e invece cucino. La mia serata ideale è una cena dove dico io e magari un bel trio jazz. Piango spesso con Jimmy Page, in realtà dovevo chiamarmi Ella Fitzgerald, ma qualcuna qualche anno prima mi ha rubato il posto. Ho un gatto sulla clavicola e le dita sempre in viaggio sulla tastiera. Se volete leggermi mi trovate anche qui: http://www.doppimenti.com/


Caricando...