Verdure alla mia maniera o “svuotafrigo”

verdure_andrea_vasumi

Verdure alla mia maniera o “svuotafrigo”

di Andrea Vasumi

La passione per la cucina l’ho sempre avuta e ricordo ancora i primi esperimenti che facevo in cucina. E se li ricordano anche i miei genitori.
Avrò avuto 12/13 anni, una domenica mattina mi sveglio presto per fare una sorpresa ai miei genitori (credo fosse il loro anniversario) e preparargli la colazione.
Tavola apparecchiata, pane tagliato, marmellata, miele, latte e caffettiera sul fuoco in attesa che il caffè venisse su.
“Come mai ci mette così tanto?” mi chiedo dopo 10 minuti e aver invaso la casa di odore di caffè abbrustolito.
Si svegliano i miei, arrivano in cucina.
“Cos’è sta puzza?” chiedono.
“Volevo fare una sorpresa, ma il caffè non viene su…per me la caffettiera è rotta!” dico io.
“Ma hai messo l’acqua?” chiede mia madre.
“No, dove?” chiedo io.
Risultato: colazione al bar per tutti, guarnizione della caffettiera bruciato e io che ho imparato come si faceva il caffè.

Diciamo subito che è una ricetta che può fare chiunque e che è possibile fare in modi diversi, a seconda di quello che si ha in frigorifero.
Anche la cottura può essere fatta in modi diversi, sia in padella che al forno che al microonde, a seconda del tempo che si ha a disposizione.

Ingredienti:

pomodori maturi,
peperoni gialli e rossi,
zucchine,
melanzane,
cipolla,
patate,
olio, sale, pepe e spezie a piacere.
birra o vino bianco

Preparazione:

In una padella abbastanza grande (o in una teglia da forno), fare soffriggere in un filo d’olio la cipolla tagliata a tocchetti.

In una pentola a parte, fare lessare le patate sbucciate.
Tagliare le verdure a tocchetti ed aggiungerli, un po’ alla volta, alla padella dove c’è il soffritto di cipolla.
Io, solitamente, parto dalle verdure più dure: melanzane, zucchine, peperoni e pomodori.
Aggiungere sale quanto basta, pepe e le spezie desiderate. Io metto curry, erba cipollina, paprika dolce e peperoncino.
Di volta in volta, aggiungere acqua per coprire le verdure, in modo che si cuociano senza bisogno di aggiungere altro olio e mescolare per amalgamare le verdure alle spezie.
Quando la cottura delle verdure è quasi terminata, aggiungere le patate lessate e un po’ di birra (o vino bianco) e fare sfumare.
Servire in tavola con piadina romagnola fatta in casa e appena cotta.

P.s. Ah, se le verdure ‘alla mia maniera’ dovessero avanzare perché ne avete fatte troppe, potete mangiarle anche il giorno dopo, a mo’ di sugo alle verdure, per gli spaghetti o anche le tagliatelle all’uovo.

verdure_andrea vasumi

Serena Maratea

Attrice e speaker radiofonica. Eclettica Presentatrice di cabaret e di programmi istituzionali itineranti per l'italia. La Metereologa de "L'Almanacco del Gene Gnocco" su Rai 3 è diventata anche giornalista in spettacoli comici e di grande divertimento.. Ora la trovate anche qui con i suoi amici attori e cabarettisti per tante ricette succulenti e divertenti! Proprio come lei!


Caricando...