I muffin de “L’ombra dello Scorpione” alla Stephen King

king_008

Dai muffin alla cheesecake, dalle american pie ai biscotti delle girl-scout, sino ad usare la farina d’avena per riparare un radiatore… in King troviamo ogni genere di dessert. Tipico dolce americano, i muffin, ne “L’Ombra dello Scorpione” sono paragonati a «piccoli seni con una ciliegia piantata nel mezzo». Ecco una ricette semplice e veloce per prepararne una dozzina:

Ingredienti:

4 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di lievito per torte
350 gr. di farina
2 tuorli d’uovo
6 cucchiai di olio
Tre tazze di latte
Un cucchiaino di sale

Preparazione:

Amalgamare olio, tuorli e latte.
Mettere in una terrina farina, zucchero, lievito e sale.
Aggiungere il liquido continuando a mescolare sino ad ottenere un composto omogeneo.
Mettere della carta da forno nelle formine dei muffin e riempirle con due cucchiai di impasto ciascuna.
Cuocere in forno sino a che la superficie non si indurisce.
Guarnire a piacere (marmellata, burro di arachidi, formaggio…)

Approfondendo:

I cinesi biscotti della fortuna vengono ovviamente usati per dare messaggi divinatori ai personaggi dei suoi racconti: durante il pranzo a cui hanno partecipato i ragazzi (ormai adulti) di “It” segna un momento topico della narrazione e questo non poteva succedere in una biblioteca, né altrove ma in un ristorante, un luogo sacro dove si consuma un atto abitudinario. Oltre che in “It“, troviamo i maledetti biscotti nel terzo e nel quarto libro della saga La Torre Nera e in “Duma Key“.

Piccola Bibliografia:
L’Ombra dello Scorpione
It
Terre Desolate
La Sfera del Buio
Duma Key

muffin

Luca Fassina

Giornalista, sceneggiatore, scrittore, sono alla costante ricerca di qualcosa su cui concentrare le mie parole. Nato professionalmente con la redazione di Hard!, oggi scrivo per Classic Rock Lifestyle, Metal Maniac, Sergio Bonelli, Tsunami e, se hai un progetto, chiamami che ne parliamo. ‘A Tavola con Stephen King’ è un viaggio culinario tra le pagine colanti orrore, sangue e ketchup di uno degli scrittori più rock di sempre.


Caricando...