Nell’autobiografia di Marky Ramone tutta la sua storia nella punk band

Ramones

E’ uscita l’autobiografia del batterista Marky Ramone, al secolo Marc Steven Bell, che suonò nella punk band newyorkese dal 1978 – con una pausa di quattro anni – fino allo scioglimento nel 1996. “Punk rock blitzkrieg: my life as a Ramone” nasce dopo cinque anni di lavori, durante il quale il musicista 59enne radunato aneddoti e ricordi della vita trascorsa on the road col gruppo. Con le tragiche scomparse di Joey, Johnny, Dee Dee e Tommy Ramone, fondatori della storica formazione, il lascito di ricordi rimane nelle mani di Marky. Già nel 2013 fece tornare in vita il mito dei Ramones, organizzando un esteso tour internazionale con l’aiuto del rocker statunitense Andrew W.K Ma nel suo libro Marky non racconta solamente l’esperienza con Joey e compagni: in rassegna c’è tutta la sua carriera, fin dai primi concerti con i Richard Hell & the Voidoids. “Non si tratta di un libro che riguarda solamente i Ramones, ma in cui racconto la mia intera storia, anche ciò che è avvenuto prima e dopo il mio arrivo. Ho trascorso il 95% del mio tempo in un furgone con questi ragazzi, bloccati in un posti assegnati, non potevi di certo saltare giù dal finestrino o altro. Così voglio raccontare alle persone cosa accadeva in realtà” ha spiegato Marky a Billboard, che ha pubblicato in esclusiva alcuni passaggi dell’opera. Il batterista non ha messo in luce solo l’aspetto musicale, ma soprattutto quello interpersonale, tra amicizia e disfunzioni. Uno degli episodi su cui Marky si è concentrato riguarda le difficili sessioni del quarto disco “End of century” con il guru della produzione Phil Spector: “C’era questa convinzione che Phil Spector avesse portato una pistola in studio, ma non è vero. Confermo che Phil e Johnny (Ramone) ebbero una discussione molto accesa in quei giorni, ma Spector non gli rivolse mai contro un’arma. Magari è accaduto in un’altra occasione, forse la prima volta che si sono incontrati nella sua casa, ma allora non ero presente. Quando registrammo ‘The End Of The Century’ ai Gold Star Studios non ci furono pistole puntate. Non aveva mai lavorato con una band come i Ramones, né si era mai avvicinato al nostro stile musicale. Ci sono state delle discussioni e, sapendo che noi eravamo del Queens e di Brooklyn e lui del Bronx, ci fossero delle cose che non poteva fare. Non eravamo esattamente degli angeli, ma non ci furono violenze“.

By Liveradio365.com

liveradio365

Siamo nati nel segno di un’unica grande passione: il rock! 24 ore al giorno, 7 giorni su 7 trasmettiamo la migliore musica di tutti i tempi, gli indimenticabili classici affiancati alle novità del momento e alle grandi anteprime. Vi offriamo le rock news più aggiornate, tante rubriche, concerti e curiosità, arricchite da un'ampia programmazione di intrattenimento, sport e informazione. Tutto il rock che vuoi lo puoi trovare solo qui…perchè noi lo amiamo proprio come voi. www.liveradio365.com


Caricando...