I Metallica pronti a licenziare Lars Ulrich prima della scomparsa di Cliff Burton

metallica-600

E’ una voce che ha circolato spesso negli ambienti del rock fin dal 1986 e che ora trova una definitiva conferma attraverso le parole del cantante degli Anthrax, Ian Scott. I giganti del metal erano intenzionati a licenziare il batterista Lars Ulrich dopo quel tragico “Master of puppets tour” del 1986, quando perse la vita il loro compagno Cliff Burton. La scomparsa del bassista deve aver fatto cambiare idea a James Hetfield e Kirk Hammett, profondamente scossi dall’avvenimento e costretti a gestire la dolorsa situazione. La dichiarazione di Scott è emersa durante un’intervista radiofonica per la promozione della sua autobiografia “I’m the Man: The Story of That Guy From Anthrax”. Il cantante, così come il resto del suo gruppo, era impegnato nel tour assieme ai Metallica: furono gli altri tre Horsemen ad informarlo delle loro intenzioni. “La storia è che avevano nuovi piani che includevano un altro batterista” ha ricordato “Noi eravamo sbalorditi perché lui era il quarto componente. E noi rispondemmo con “Wow! Davvero?”. E loro: “Sì, alla fine del tour prenderemo un nuovo batterista”. Al di là dell’evento luttuoso, Scott è convinto che il licenziamento non sarebbe avvenuto in ogni caso: “Ci ho riflettuto negli ultimi anni, credetemi. Penso che al termine del tour, le teste più lucide avrebbero prevalso e non credo ci sarebbe stato alcun cambio”. Il cantante ci tiene a sottolineare che il suo non era uno sfogo pettegolo: “Non sto rivelando nulla di nuovo e non è mai stata la mia intenzione”. Meglio metterlo in chiaro, non si sa mai!

By Liveradio365.com

Andrea Bariselli

Musicista, Produttore, Manager di artisti, Editore musicale, Marito, Giocatore professionista di Fifa, Portiere il giovedì sera ma sopratutto REAL ROCKchef! Cura la rubrica RicetteRock su Panorama.it


Caricando...