Polpette alla Meat Loaf

Polpette alla Meat Loaf di Elisa LeeZ Santoro

Le polpette sono la classica ricetta tramandata dalla nonna che l’aveva, a sua volta, imparata dalla madre…
Ovviamente, da brava nipote e da “nouvelle RockChef”, l’ho fatta mia aggiungendo un po’ di sana musica durante la preparazione scegliendo nella mia straripante discografia Hard Rock/Metal, un artista che con la carne ha a che fare, partendo dal nome e passando per il suo sound cosi sanguigno… Meat Loaf, con uno dei suoi capolavori: “Dead Ringer For Love”

Di Elisa LeeZ Santoro

Ingredienti:

400 gr. circa di macinato sceltissimo di manzo
Grana padano grattuggiato q.b.
Prezzemolo q.b.
Sale
Pepe
Olio extra vergine d’oliva
Vino bianco per sfumare
1 spicchio d’aglio
Mezza cipolla o uno scalogno piccolo
1 uovo
Passata di pomodoro q.b.

 

         

 

Preparazione:

– Mischiare insieme carne trita, grana, prezzemolo, sale, pepe, 1 spicchio d’aglio tritato finemente, 1 uovo intero, mezza cipolla (o uno scalogno piccolo) tritata finemente;

– Dopo avere ottenuto un composto omogeneo, formare delle piccole polpette del diametro di 2-3 cm.;

– In una pirofila facciamo scaldare dell’olio senza farlo soffriggere e uniamo le polpette;

– Quando sono rosolate bene da un lato, girarle delicatamente con un cucchiaio (una ad una, altrimenti si sfaldano) e, una volta rosolate anche dall’altra parte, sfumare con il vino bianco e lasciare evaporare;

– Una volta evaporato il vino, unite la passata e lasciate cuocere per almeno 30′;

– Controllare di tanto in tanto che il sugo non si asciughi troppo ed eventualmente aggiungere acqua calda q.b.;

– Dopo 45′ (al massimo) di cottura le polpette sono pronte per essere impiattate;

– Ottime con riso bianco parboiled lessato e come condimento per condire la pasta, decisamente insuperabili anche così come secondo piatto.

P.S.: io non metto né pan grattato, né pane ammollato e neppure sale nel sugo, tanto si può assaggiare ed aggiustare all’occorrenza ma, di solito, con sale, pepe e formaggio le polpette sono già così saporite che non serve aggiungere altro.

Il Vino Consigliato da Vania Valentini:

Ecco un piatto al quale abbinerei un vino ribelle ed esuberante come “La Monella” di Braida.
Barbera in purezza, presenta un bel colore rosso rubino violaceo sgargiante, una schiuma briosa, leggermente frizzante.
Al naso è fragrante, prorompente e vinoso, con numerosi sentori di frutta rossa. Sapore straordinariamente vivace, molto fresco, “allegro e incontenibile”, possiede buon corpo, morbida stoffa e dalla lunga persistenza.
Da servire ad una temperatura di 8-10 C°.

Elisa LeeZ Santoro

Elisa LeeZ Santoro

Caricando...