Panini da hamburger alla Motörhead

Panini da hamburger alla Motörhead

Mmmhhh, i panini da hamburger sono soffici e un po’ dolci, quindi cosa hanno a che fare con i Motörhead, che non sono decisamente ne l’uno ne l’altro? Beh, direi che è abbastanza evidente: sono entrambi fondamentali ed essenziali!!!

Seriamente, il pane fa la differenza tra un hamburger discreto e uno ottimo: quelle spugne che si trovano al supermercato, più spesso che no si sfaldano se appena appena si cuoce la carne a cottura media e i suoi succhi impregnano il pane. I panini che otterrete seguendo questa ricetta invece sono -allo stesso tempo- soffici e resistenti, consentendovi quindi di gustarvi anche un hamburger al sangue e pieno di salse senza spappolarsi.

Per 8 panini da circa 100 gr. (adatti per hamburger da 150/200 gr.):

400 gr. di farina 00
150 gr. di farina Manitoba
70 gr. di burro a temperatura ambiente
80 gr. di zucchero
25 gr. di lievito di birra
2 uova
200 ml. di acqua appena tiepida (30°)
2 prese di sale
Uovo sbattuto e semi di sesamo per decorare
Olio per ungere


 

Procedimento con la planetaria, accessorio a uncino:

Sciogliere il lievito e un paio di cucchiaini di zucchero in 100 ml. di acqua tiepida;

– Mettere la farina, il burro a pezzi, le uova e lo zucchero nel contenitore della planetaria;

– Aggiungere l’acqua con il lievito e l’acqua avanzata;

– Far partire la planetaria a velocità 2;

– Dopo 2′ aggiungere il sale;

– Lavorare a velocità 2 per altri 6′ fino ad ottenere un impasto morbido;

– Se è troppo morbido aggiungere un paio di cucchiai di farina e lavorare fino a quando è completamente assorbita (può capitare e dipende dal tipo di farina, dalla temperatura, dal tempo…);

– Estrarre l’impasto, metterlo in un contenitore grande del quale avrete leggermente unto d’olio le pareti, chiudere il contenitore con pellicola e metterlo nel forno spento ma con la luce accesa per un’ora.

 

Procedimento a mano:

– Sciogliere il lievito e un paio di cucchiaini di zucchero nell’acqua tiepida in una ciotola abbastanza grande;

– Lasciar riposare 5′;

– Aggiungere metà della farina e mischiare bene;

– Aggiungere la farina rimanente, il burro a pezzi, le uova, lo zucchero e mischiare bene;

– Aggiungere il sale e mischiare bene;

– Se l’impasto è troppo morbido aggiungere un paio di cucchiai di farina e mischiare bene;

– Rovesciare l’impasto sull’asse di legno (o sul tavolo) e impastare bene per 10′;

– Mettere l’impasto in un contenitore grande del quale avrete leggermente unto d’olio le pareti, chiudere il contenitore con pellicola e metterlo nel forno spento ma con la luce accesa per un’ora.

 

Da qui in poi il procedimento è uguale, che si sia impastato con la planetaria o a mano:

– Estrarre il contenitore dal forno: l’impasto sarà almeno raddoppiato di volume;

– Schiacciare l’impasto col pugno per sgonfiarlo, chiudere il contenitore con pellicola e metterlo nel forno spento ma con la luce accesa per un’altra ora.

– Foderare una teglia con carta da forno;

– Estrarre il contenitore dal forno e dividere l’impasto in 8/10 parti uguali (io metto un piattino sulla bilancia, taglio un pezzo di pasta col coltello e lo peso, aggiungendo o togliendo pasta se necessario fino ad arrivare a 100 gr.);

Impastare sul palmo della mano una palla di impasto fino a che la sentite diventare elastica (bastano una decina di secondi);

– Dare una forma sferica e mettere nella teglia;

– Ripetere l’operazione con tutto l’impasto;

– Sbattere un uovo con un po’ d’acqua e spennellare i panini;

– Cospargere di semi di sesamo;

– Coprire la teglia con pellicola e lasciare lievitare per un’ora (in un posto riparato se avete il forno a incasso, sopra la cucina se avete il forno sotto ai fornelli);

– Portare il forno a 180° mettendo un pentolino d’acqua sul fondo;

– Rimuovere la pellicola e infornare per circa 20′ (o fino a quando i panini sono ben dorati).

Io tengo i panini da hamburger poco distanti nella teglia in modo che durante la lievitazione si attacchino un po’ l’uno all’altro perchè a me piacciono così, un poco più morbidi. Se invece volete i panini perfettamente rotondi, teneteli più distanti e magari usate due teglie.

 

Panini da hamburger alla Motörhead

Panini da hamburger alla Motörhead

 

Enrico Salvini

Metallaro, papà casalingo 24/7, motociclista (momentaneamente appiedato, ma con tre cassonetti a due ruote fuori uso in garage), amante di viaggi, serials, film, comics e tavole originali. Cinque anni di istituto alberghiero buttati giù per lo scarico, ma difficilmente ricevo rifiuti quando invito amici a cena. Se portassi simboli religiosi addosso, alla catenina ci sarebbe appeso un hamburger, medium-rare. Curo la rubrica RicetteRock su Panorama.it


Caricando...