Muffin con arancio e cioccolato alla Steven Wilson

IMG_3224

Muffin con arancio e cioccolato alla Steven Wilson

Ascolto consigliato: “Arriving somewhere but not here” by PorcupineTree

Per chi non conoscesse Steven Wilson posso dire solo una cosa: non è tardi.
E’appena uscito il suo nuovo album, le date per il tour in Uk sono già fuori e ora vi dirò due cosine che vi faranno venire una voglia matta di ascoltare i suoi lavori.
Questo timido uomo dall’aspetto innocente è un genio del progressive.
Pupillo di Robert Fripp dei King Crimson, ha collaborato a diversi progetti tra i quali i Porcupine Tree e i Blackfield con il favoloso Aviv Geffen.
La sua genialità è paragonata a quella che avevano i Pink Floyd negli anni ‘70 e il suo approccio musicale molto introspettivo ed eclettico.
È un artista a 360°, se non lo avete mai sentito correte ad ascoltare l’album con i Porcupine Tree Deadwing.

Muffin con arancio e cioccolato alla Steven Wilson

Ingredienti per 12 muffin

200 gr di farina di farro
25 gr di cacao amaro in polvere
1 cucchiaino di bicarbonato
1 pizzico di sale
80gr di zucchero di canna
50gr di gocce di cioccolato
1 uovo intero
150cc di latte di riso
60cc di olio di semi di arachide
1 arancio non trattato
12 formine da muffin e 12 pirottini di carta

Procedimento:

Accendete il forno a 180°.
Prendete due ciotole.
In una mettete la farina, il bicarbonato, il sale, il cacao e le gocce di cioccolato.
Grattugiateci tutta la scorza dell’arancia.
Nell’altra ciotola mettete lo zucchero con l’uovo e sbattete con una frusta a mano fino ad avere un composto spumoso.
In un bricco dosatore spremete il succo dell’arancio e aggiungete il latte e l’olio.
Unite al composto con l’uovo qualche cucchiaio di farina alternando con i liquidi.
Continuate a mescolare fino a finire tutti gli ingredienti.
Mettete l’impasto dentro al bricco e riempite gli stampini per ¾ in modo che i dolci abbiano lo spazio per lievitare.
Infornate per 20 minuti circa.
Fate la prova dello stuzzicadenti: l’impasto al centro dovrà essere asciutto.
Sfornate e toglieteli subito dai pirottini in modo che non si formi la condensa.
Mangiateli tiepidi, magari accompagnati da una cioccolata calda e le sonorità suadenti di questo genio della musica.

Tania Gallus

Food writer, musicalmente curiosa, rock fashion victim, aperta a nuove esperienze culinarie e fondamentalmente pazza. Amante della musica rock soprattutto se accompagnata da qualcosa che sfrigola sui fornelli, proprio come un vecchio vinile sfrigola sul piatto. Cura la rubrica La Cucina in Vinile.


Caricando...