Antipasto di Gamberoni e Porri alla King Crimson

antipasto di gamberoni e porri

Ascolto consiglato: “Happy with what you have to be happy with” by King Crimson

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura: 10 minuti

A volte basta poco per essere felici, un porro che avvolge un gamberone rosso, quelli grossi, profumati e favolosi.
Questa è la canzone giusta per un piatto che può essere un antipasto o un piatto unico se servito con un po’ di riso Venere Nero.
In tal caso contate due gamberoni in più per persona.
E’ ideale per le feste, un piatto semplice da preparare prima e cuocere all’ultimo momento, da condividere in una tavola allegra e imbandita con una favolosa musica in sottofondo.
Questa è una canzone semplice ma complessa, dove c’è tutta la genialità di Robert Fripp e la fantastica voce di Adrian Below.
Un po’ come in questo piatto, semplice ma strutturato.
E allora siate felici con poco accompagnati da questa melodia.

Antipasto di gamberoni e porri alla King Crimson

Ingredienti per 4 persone:

12 gamberoni rossi freschissimi
2 porri grandi
2 spicchi di aglio
1 peperoncino
2 cucchiai di olio
2 cucchiai di prosecco
Sale e pepe qb

Procedimento:

Prima di tutto pulite i gamberoni: fate una incisione sul dorso ed eliminate il carapace ed il budello nero.
Lasciate attaccata la testa se riuscite, è l parte più gustosa se il gamberone è fresco.
Sciacquateli delicatamente e tamponate con carta da cucina.
Metteteli su una teglia e cospargeteli con l’aglio sbucciato e tagliato a fette sottili e il peperoncino affettato.
Condite con un cucchiaio di olio, copriteli e metteteli in frigo a marinare un pochino.
Intanto mettete a bollire dell’acqua su un pentolino capiente.
Mondate i porri e incideteli nel senso della lunghezza.
Sfogliate i vari strati tenendo quelli più verdi e morbidi.
Scottateli in acqua bollente e salate per pochi minuti, basteranno 3-4.
Scolateli e metteteli a bagno in una terrina con acqua fredda in modo che mantengano il colore verde acceso.
Tirate fuori dal frigo i gamberoni e avvolgete ciascuna coda con una foglia di porro scottato, dovete fargli la copertina insomma.
Prendete una padella anti aderente e scaldatela bene.
Mettete l’olio e adagiatevi i gamberoni senza sovrapporli.
Fateli cuocere 3 minuti per lato, in modo che il gamberone si impregni del sapore del porro e quest’ultimo diventi croccante.
Sfumate con il prosecco e lasciate evaporare tutto l’alcool, lo sentirete dall’odore.
Spengete il fuoco e cospargete con un po’ di sale grosso e una macinata di pepe fresco.
Mettete su un bel piatto da portata magari su un letto di rucola o, se la cena è più da rockers formali, fate un piatto per ciascuno.
Il sapore sarà semplice e delicato, il gamberone viene esaltato dal porro e da questo sottofondo musicale…

Tania Gallus

Food writer, musicalmente curiosa, rock fashion victim, aperta a nuove esperienze culinarie e fondamentalmente pazza. Amante della musica rock soprattutto se accompagnata da qualcosa che sfrigola sui fornelli, proprio come un vecchio vinile sfrigola sul piatto. Cura la rubrica La Cucina in Vinile.


Caricando...